aa
sei in: home » notizie » dettaglio notizia

Torna alle notizie di SEDE REGIONALE

Cambio al vertice dell’Ente Bilaterale del Turismo Toscano, eletta la nuova Presidenza

A ricoprire il ruolo di Presidente in carica per i prossimi quattro anni, è Roberto Betti, rappresentante della Filcams Cgil Toscana. La nomina è avvenuta nel corso del Comitato Direttivo, secondo la prevista alternanza degli incarichi tra rappresentanti del sindacato e dell’impresa. L’Ente Bilaterale del Turismo conta su 15. mila aziende aderenti e più di 40 mila lavoratori verso i quali eroga servizi gratuiti come la formazione, i servizi al lavoro e interventi di welfare.

Il turismo in Toscana rappresenta un’importante attività anche in termini di PIL e a causa dell’emergenza Covid-19 sta attraverso un momento di difficoltà, sia per le aziende che per i lavoratori che operano nel settore. L’EBTT oltre alle attività ordinarie ha attivato una serie di interventi di sostegno al settore come l’erogazione di aiuti alle aziende e l’integrazione della FIS a favore dei lavoratori. Ringrazio chi mi ha preceduto per l’ottimo lavoro, il mio impegno e la mia attenzione sarà rivolta all’intero comparto turistico cercando di intercettare le nuove esigenze del settore in forte crisi economica. Si calcola una perdita di migliaia di posti di lavoro, un numero che deve farci riflettere insieme alle istituzioni locali e nazionali. La bilateralità è uno strumento fondamentale per la crescita del sistema turistico ed il mio ruolo sarà quello di salvaguardare questo importante valore

A ricoprire il ruolo di Vice Presidente in carica per i prossimi quattro anni, è Pier Carlo Testa, rappresentante di Fiavet Toscana

“L’EBTT negli ultimi anni ha erogato importanti servizi gratuiti ai propri iscritti, il mio impegno è quello di proseguire con azioni concrete verso le aziende ed i lavoratori che sono in estrema difficoltà in questo periodo di emergenza sanitaria ed economica. Mi impegnerò per porre le questioni dei nostri associati alle  istituzioni e a tutti i protagonisti del tessuto turistico toscano. Il settore turistico vale il 10% del PIL della Toscana  senza contare l'indotto che produce. Questa crisi ha generato la mancanza di turisti stranieri, l’assenza di gite scolastiche, la mancanza di convegni fiere e manifestazioni sportive  ha messo in seria difficoltà le aziende del settore turistico mettendo a rischio la loro sopravvivenza. In Toscana c’è stato un calo di 6,1 milioni di arrivi  e 21,7 milioni di presenze in meno (-60,7% di presenze rispetto ai primi 8 mesi dell’anno), una situazione drammatica, con una perdita di 2,13 miliardi di consumi per viaggi e vacanze. Tutti possiamo contribuire a sostenerle ed il mio impegno sarà rivolto a loro concentrandomi sul come ripartire per salvare le attività ed i contratti di lavoro”.

iscriviti gratuitamente alla newsletter

apri la pagina di registrazione